Poesie del tatto e del dissapore

In noi dappertutto è il volto
e piedi, gambe, pube, glutei, schiena, torace
nudi, senza bisogno di pudore.

A nulla è valso il consiglio del missionario.
Io sono l’indigeno che sfiora la nudità del tuo viso
per impararti a memoria.

Il tuo corpo è sulla punta delle mie dita.

(stasera a Grosseto, durante la “Notte visibile della cultura”, con Luca Bonelli e altri amici e amiche leggerò per la prima volta una nuova raccolta di poesie che si intitola “Poesie del tatto e del dissapore”)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>