Archivi tag: Buffoni

Poeti traduttori di poeti

Valerio Magrelli cura una rubrica intitolata Seuils poétiques su «La Revue italienne d’études française», una rivista di letteratura francese online. Prima dell’estate mi ha chiesto di collaborare alla realizzazione di un omaggio alla letteratura francese da parte di un piccolo gruppo di poeti italiani che si sono distinti nell’esercizio della traduzione: Antonella Anedda, Franco Buffoni e Maurizio Cucchi. Ciascuno di loro aveva tradotto una poesia dal francese all’italiano (un testo di René Char dedicato a Georges Braque, L’Albatros di Baudelaire, Au Cabaret-vert di Rimbaud) e aveva accompagnato la traduzione con una breve riflessione in prosa. A me è toccato il compito di analizzare e commentare le traduzioni. Questo è il risultato: un breve saggio intitolato Trois poètes traducteurs de poètes.
Per leggere l’intero numero della rivista e le traduzioni dei poeti puoi andare direttamente al numero 6/2016.

Parole che fanno la differenza

I primi studi sul sessismo linguistico risalgono agli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, quando negli Stati Uniti ci si comincia a interrogare sul diverso modo di rappresentare il maschile e il femminile attraverso il linguaggio, al quale viene riconosciuto un ruolo fondamentale nella costruzione della realtà. Per approfondire l’argomento ho deciso di chiedere a Franco Buffoni. L’intervista è uscita su La Ricerca.

Ricerca 11

Cambio verso

Cambioverso_Cop_web

Nei prossimi giorni uscirà per le edizioni Effequ un mio libro intitolato “Cambio verso – La poesia che ci serve a sopportare l’Italia”. L’ho scritto per mia necessità, perché avevo delle cose urgenti da condividere con i miei lettori e con le mie lettrici. Ho cercato di riflettere ad alta voce sulla relazione tra la mia vita quotidiana e le poesie che leggo e che uso per dare un senso all’esistenza. Mi piacerebbe che tu leggessi almeno la Premessa, che puoi scaricare gratuitamente qui.

Post Scriptum Il 2 maggio alle 18 e 30 presentazione in anteprima alla libreria Todo modo di Firenze, con Riccardo Donati, Elisa Biagini e Roberto Balò.