Un’idea di letteratura

Non sono cresciuto con un’idea alta o particolarmente prestigiosa della letteratura. La letteratura, per me e per coloro con cui ho condiviso il mio percorso di formazione, non ha rappresentato uno strumento di redenzione o d’innalzamento sociale, ma non è stata neppure, com’era per molti, un corpo estraneo, un nemico da frequentare solo nelle aule scolastiche o, peggio, un genere di consumo disponibile tra i tanti sul mercato. Nella mia esperienza umana la letteratura, prima di diventare un ‘mestiere’ – un mestiere anomalo, s’intende, che deve sporcarsi molto prima di dare un reddito – è stata ed è una semplice esperienza sociale con la quale dover fare quotidianamente i conti.

Leggi tutto

(P.S. Scrivo regolarmente di questi temi sulla rivista online “La Ricerca“)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non sai che parole / e resti parlato