Archivi tag: Didattica della letteratura

Nuovi orizzonti per la didattica del testo letterario

Wolfgang Sahlfeld, professore di storia della didattica alla Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), in un suo articolo intitolato “Riflessioni sulla didattica del testo letterario nell’epoca delle competenze”, individua i nuovi orizzonti che si sono messi in movimento in questi anni nell’ambito della didattica della letteratura. Continua a leggere

Un nuovo ruolo per la letteratura (omaggio a Remo Ceserani)

Ceserani io lo conoscevo dai suoi libri. L’ho incontrato forse tre volte, e solo in un’occasione ho avuto modo di passare del tempo con lui. Per me era e rimane un maestro, uno dei pochi intellettuali italiani che si è occupato di scuola con intelligenza e dedizione. Armato di questa convinzione, con il mio lavoro di ricerca e di studio ho cercato di prendermi cura del suo lavoro e delle sue idee, affinché potessero (e possano ancora) trasformarsi in azione, agire per il cambiamento della scuola e dell’università attraverso un rinnovato insegnamento della letteratura.
Pubblico qui un estratto dal libro Per una didattica della letteratura (Pensa Multimedia 2014), dal capitolo “Alle origini della didattica della letteratura in Italia”.

Imparare la lingua con la letteratura

Gli insegnanti di lingua italiana all’estero desiderano migliorare la loro capacità di usare le opere della letteratura nell’ambito del loro lavoro. Questo è almeno ciò che sto imparando in questi ultimi mesi, dopo aver tenuto un seminario all’École Normale Supérieure di Rabat, in Marocco, e dopo essere stato chiamato a tenerne un altro analogo in questi giorni a New Delhi, presso la Jamia Millia Islamia University e l’Istituto Italiano di Cultura.
Dopo queste esperienze ho deciso di scrivere una serie di articoli per sintetizzare quanto sono riuscito a imparare sul mio lavoro.
Per leggere gli articoli usciti su “La Ricerca”:
1. Insegnare la lingua con la letteratura (clicca qui)
2. Il lettore comune e l’allegra brigata (clicca qui)

.

Viaggio in India

Mai avrei pensato di dover fare un seminario di didattica della letteratura italiana in India. E invece eccomi qui a studiare per preparare i materiali didattici, le presentazioni, gli strumenti da consegnare ai docenti. Non conosco a fondo – non ancora – la didattica dell’italiano come lingua straniera, sto cercando quindi di individuare gli strumenti più adatti alle specifiche esigenze di chi insegna la lingua “con la letteratura” a degli studenti di madrelingua non italiana. Cercherò di raccontare il viaggio su queste pagine. Per me è un’importante occasione per mettere a punto idee e pratiche a cui lavoro da anni.
Allego il programma delle attività. E nel frattempo proseguo la lettura di Dalrymple. Mi preparo a incontrare un altro mondo.
SLI Programma 2016

16 agosto 1916, Giuseppe Ungaretti scrive I fiumi

Una delle poesie migliori di questi ultimi cento anni, una delle mie preferite tra quelle scritte in lingua italiana.
Inizia così:

Mi tengo a quest’albero mutilato
abbandonato in questa dolina
che ha il languore
di un circo
prima o dopo lo spettacolo
e guardo
il passaggio quieto
delle nuvole sulla luna

Oggi possiamo riascoltarla dalla voce di Giuseppe Ungaretti, o rileggerla a schermo (scarica qui Ungaretti_I fiumi, meglio leggerla su un libro, comunque, a mio avviso). E poi, chi ne abbia voglia, può confrontarsi con un mio esercizio di lettura. Continua a leggere

Storie che nascono (da un seminario a Rabat)

Prima la lingua o la letteratura? In coda a un seminario di quattro giorni nell’ambito del master in didattica della lingua italiana dell’École Normale Supérieure di Rabat è nata una riflessione sull’uso del testo letterario nei corsi di lingua straniera e, più in generale, sul ruolo della letteratura nell’apprendimento. Qui di seguito potete leggere un breve articolo che proseguirà con alcuni approfondimenti sul rapporto tra esperienza estetica e insegnamento.
Per leggere l’articolo, clicca qui.

Un nuovo numero della “Ricerca” (con una mia intervista a Dario Corno)

In questi giorni è uscito il nuovo numero (il decimo, per l’esattezza) della rivista “La ricerca”. Il fascicolo è dedicato a scrittura e comunicazione, e si apre con una mia intervista a Dario Corno, linguista esperto di didattica della scrittura. Si intitola “Chi scrive bene pensa bene e convive meglio“.
Per scaricare o leggere online il numero clicca qui